• prova_slide2

  • prova_slide2

  • LEZIONI MINIGRUPPO PILATES
  • LEZIONI CON I GRANDI MACCHINARI (REFORMER, CADILLAC, CHAIR, BARREL, SPRINGWALL)

Pre-allenamento, cosa mangiare?

Nella mia esperienza di giovane insegnante non sono state poche le volte in cui allievi e allieve si sono lamentati di qualcosa che avevano mangiato prima della lezione. A volte cibi all’apparenza innocui, altre un po’ meno, il fatto è che non c’è nulla di più antipatico che praticare con lo stomaco in subbuglio!

Cosa mangiate prima dei vostri allenamenti?

Darvi la carica prima di allenarvi può fare la differenza sulla vostra prestazione, ma sicuramente mangiare la cosa sbagliata, combinare male più alimenti o sbagliare le dosi, può appesantirvi e invertire la peristalsi. In parole più semplici può sembrarvi che il cibo voglia ritornare su!

Oggi vi propongo degli spuntini pre-allenamento di cui non vi pentirete!

 
  1. Banana, mandorle, sedano

 

Questo trio un po’ inusuale è una combinazione ideale per darvi le energie giuste per un buon allenamento. La banana vi darà una botta di energia grazie ai carboidrati e alla vitamina B in essa contenuti. Le mandorle rallenteranno l’assorbimento degli zuccheri della banana nel vostro sangue, dandovi un sostegno a lunga durata.

Il sedano, ma in generale le verdure a foglia verde, vi daranno i sali minerali necessari a bilanciare questo spuntino.

Come quantità vi suggerisco da mezza ad una banana, 4-8 mandorle e un gambetto di sedano. Consumate questo spuntino masticando a lungo, senza fretta e almeno mezz’ora prima dell’allenamento.

 
  1. Smoothie!

 

I frullati, che occasione per sbizzarrirsi! Come cibo pre-workout stanno diventando sempre più comuni e apprezzati per ovvie ragioni.

Si fanno in un attimo, non avendo pezzetti si digeriscono velocemente e possono essere consumati ovunque!

La trappola sta nel fatto che sono buonissimi, e di cose buone se ne vuole sempre in quantità. O peggio ancora si mischiano insieme duecento ingredienti, col risultato che, anche se frullati e irriconoscibili, il nostro organismo dovrà comunque fare un bello sforzo per processarli.

Il mio consiglio è di scegliere 3-4 ingredienti per i vostri frullati. Come formula vincente immaginate qualcosa del genere:

  • 1 verdura verde (lattuga, sedano, cetriolo, erbe…);
  • 1 carboidrato (frutta, ma anche avena…);
  • 1 grasso (semi di chia, semi di canapa, burro di noccioline, ½ avocado);
  • 1 liquido (acqua, spremuta di un agrume, acqua di cocco…).

In questo modo avrete un frullato bilanciato e completo, che vi assicuri una prestazione duratura e stabile, senza picchi glicemici. Cercate di consumare il vostro smoothie almeno 20 min prima della pratica.

 
  1. Centrifuga di verdure

 

Se il frullato è di facile assimilazione, la centrifuga lo è ancora di più. Parliamo di un succo di verdure, a cui è possibile aggiungere anche una piccola mela verde o un agrume, che vi farà sentire leggeri e pronti per qualsiasi esercizio o asana.

Tra i grandi meriti, la centrifuga ossigena le cellule; contiene meno calorie di un frullato ma è ricca di nutrienti importantissimi. La clorofilla contenuta nelle verdure centrifugate vi aiuterà ad aumentare il livello di ossigeno e nutrienti nel corpo e contemporaneamente ad eliminare scorie per un bell’effetto detox.

Potete bere la vostra centrifuga anche a ridosso della lezione.

 
  1. Toast all’avocado

 

Se cercate qualcosa di più sostanzioso per scongiurare i crampetti da fame ma che si digerisca più facilmente di un mattoncino, questo è il vostro spuntino ideale!

I carboidrati complessi contenuti nel pane (sbizzarritevi con le tipologie di pane), abbinati ai grassi dell’avocado verranno digeriti più lentamente di tutti gli spuntini sopracitati.

Questo vuol dire che, se avete un metabolismo molto veloce, arriverete a fine allenamento senza sentire la pancia brontolare. Condite l’avocado con un pizzico di sale e limone per dargli un po’ di carattere, o seguite la tradizione guatemalteca condendolo con un po’ di zucchero. L’importante è che consumiate il vostro snack almeno 45 minuti prima dell’inizio della lezione.

 
  1. Niente!

 

Non fate quella faccia! Tecnicamente è molto comune praticare a stomaco vuoto, soprattutto di prima mattina.

Se non l’avete mai fatto vi incoraggio a provare! Noterete che avrete più spazio nella cavità addominale per rendere il respiro profondo e la vostra mente sarà più propensa alla concentrazione.

Vi invito comunque alla prudenza, soprattutto se tendete ad avere cali di zucchero questa non è la soluzione più adatta a voi.

Spero che questi piccoli consigli vi saranno utili: qual è il vostro spuntino pre-allenamento preferito? Contribuite a dargli gusto e colore sperimentando sempre nuovi ingredienti in base a ciò che amate e soprattutto alla stagione.

 

Buona pratica!

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

PPM

STUDIO YOGA PILATES

Via Guarini 4, TORINO
Corso Tassoni 25, TORINO
Corso Orbassano 191/1, TORINO

Tel e Cell

011.19705609 - 3711812414
011.068.66.62 – 349.236.48.70
011.536.44.66 – 324.7726813

Mail

lagrange@yogapilates.it
tassoni@yogapilates.it santarita@yogapilates.it
ИТ новости