• prova_slide2

  • prova_slide2

  • LEZIONI MINIGRUPPO PILATES
  • LEZIONI CON I GRANDI MACCHINARI (REFORMER, CADILLAC, CHAIR, BARREL, SPRINGWALL)

Dolori alla bassa schiena: lavoriamo sul piriforme

Il piriforme è un muscolo profondo della natica che si allunga dalla parte alta del femore (l’osso lungo della coscia) all’osso sacro (l’osso triangolare sotto la bassa schiena) in entrambi i lati del corpo.

Il suo scopo è quello di assicurare la testa del femore all’articolazione dell’anca ed è responsabile della sua rotazione esterna o laterale, nonché dell’abduzione quando l’anca è flessa.

Ultima importantissima funzione, insieme i due piriformi assicurano la stabilizzazione delle articolazioni sacroiliache.

Pratica mattutina, cosa mangiare?

Sono sempre di più le persone che scelgono di praticare la mattina presto, prima di andare al lavoro e iniziare la giornata. È un’idea vincente ed energizzante, che ci fa arrivare leggeri e carichi in ufficio. Ma… cosa si può mangiare prima della pratica?

È tutta una questione di scelte e attitudini: c’è chi pur di avere la sua colazione preferita si sveglia prima; chi è in grado di praticare a stomaco vuoto; e chi proprio non carbura se non mangia qualcosa!

Per tutte le categorie, questo articolo può essere la risposta.

Yoga e Buona Digestione

Una cattiva digestione può portare con sé gonfiore e pesantezza. Il gonfiore può dipendere da quello che mangiamo, dal modo in cui lo facciamo (troppo e/o velocemente) e anche da quanta aria ingoiamo insieme al cibo.

Alle cattive abitudini alimentari si sommano stress e ansia, che producono cortisolo, un inibitore della digestione. In periodi particolarmente stressanti il nostro respiro può modificarsi: possiamo ritrovarci a trattenere il respiro come fossimo in apnea, per poi ricordarci di respirare ma annaspando. In tutte e due i casi oltre ad ossigenare male il sangue, ingoiamo aria.

5 esercizi per il benessere delle ginocchia

Le ginocchia sono fondamentali per il sostegno del nostro peso, permettendoci di camminare, correre e saltare. Sono ammortizzatori che preservano la schiena e il collo da traumi, conferendo forza e stabilità ai nostri movimenti.

Per svolgere al meglio ogni attività quotidiana ci vogliono flessibilità, forza e stabilità. Il ginocchio, formato da cartilagini, muscoli, legamenti e tendini ha bisogno di essere sano in tutte le sue componenti per lavorare bene e senza dolori. Più l’articolazione è complessa, maggiori sono i rischi, ed infatti quella del ginocchio è particolarmente soggetta a traumi o artriti (infiammazioni).

Nel ginocchio si incontrano tre ossa: femore (parte alta), tibia (parte bassa) e rotula. Quest’ultima è interna al ginocchio, in posizione frontale, e quando il ginocchio si muove scivola senza fare attrito. Nel punto di incontro queste tre ossa sono ricoperte dalla cartilagine articolare, un materiale spesso ed elastico che assorbe gli urti scongiurando l’attrito durante il movimento.

All’interno le ossa, tra tibia e femore, sono separate dai menischi: cuscinetti di tessuto connettivo, a forma di mezzaluna, il cui compito è aumentare la stabilità.

Le ginocchia non sono solo ossa e cartilagini, un ruolo fondamentale per il loro buon funzionamento è giocato da due gruppi di muscoli: i quadricipiti nella parte anteriore della coscia (che riportano il ginocchio dritto dal piegamento) e i bicipiti femorali nella parte posteriore (fanno piegare il ginocchio).

Altrettanto importanti, i tendini e i legamenti. I primi uniscono i muscoli alle rispettive ossa e permettono tutti i movimenti, animano l’articolazione come i fili le marionette; i secondi (sono quattro) sono importantissimi per stabilizzare e limitare i movimenti della rotula in tutte le direzioni possibili.

Nuovo percorso di meditazione tutti i giovedì alle 20.15 in via lagrange

“Non saprei come raccontare la prima sensazione; è come trovarsi in un ascensore cui all’improvviso tagliano i cavi; cominci a sprofondare, ma invece di schiantarti al suolo cominci a fluttuare nel vuoto. In quel movimento si sciolgono ansie, tensioni e preoccupazioni, il mondo sembra un posto più bello e luminoso, ti senti a tuo agio, in sintonia con la natura.” David Lynch

Appuntamento settimanale

E’ con estremo piacere che anche quest’anno vi comunichiamo l’inizio del corso di meditazione che terremo tutti i giovedì alle 20:15 presso la nostra sede di via guarini 4 (angolo via lagrange). Gli incontri saranno tenuti dall’insegnante Laura che prende il testimone dal monaco Buddista Gen Kel Sang Cho che è stato presente all’inaugurazione del corso di giovedì 18 gennaio 2018 (vedi foto).

Durata e svolgimento del corso

La durata degli appuntamenti è di circa 2 ore e sono strutturati in una apertura e chiusura di meditazione condivisa con tutti i presenti, nel framezzo vi sarà spazio per letture ed approfondimenti su temi a sfondo spirituale, e domande aperte al monaco o alla sua allieva Laura.
“Come la pioggia entra in una casa mal coperta, così la passione penetra in una mente non abituata alla meditazione. Come una casa ben coperta rimane asciutta, così la passione non penetra nella mente che medita.” Buddha

Per info e/o prenotazioni contattare la segreteria tutti i giorni dalle 16:00 alle 20:00

Contatti Yoga Pilates Lagrange

Pilates e Pavimento Pelvico

Noi donne abbiamo il nostro bel da fare ad esser donne: cerette, manicure, pedicure, tinte, palestra, diete, maternità, dolori da ciclo, vampate da menopausa…più tutte le incombenze di un essere umano medio! A questa lista di amenità possiamo aggiungere un altro temutissimo inconveniente: il prolasso del pavimento pelvico (PPP).

Il cucciolo non può essere un regalo, ma deve essere una scelta di benessere!

  Immagine incorporata 1 Un cucciolo non può essere un regalo, si regalano gli oggetti, non gli esseri viventi, senzienti, con dei bisogni. E’ una scelta che riguarda in primo luogo chi dovrà occuparsene e se viene pensato come regalo dovrà necessariamente essere una scelta condivisa con chi lo riceve.
Non è solo impegno, se la relazione c’è e funziona, avere un cucciolo permette di sperimentare il piacere di un legame d’affetto e benessere reciproco. Ci sono studi che ci mostrano come guardare il nostro cucciolo, coccolarlo, aiuti a ridurre lo stress e a rilasciare sostanze che aiutano a cementare il rapporto, come l’ossitocina, l’ormone della socialità, dell’attaccamento e dell’empatia”; senza dimenticare che è un ottimo alleato non solo per la salute fisica, ma anche per combattere la solitudine.
E’ fonte di divertimento, e anche l’impegno che comporta può rivelarsi benefico. Avere un animale domestico, dà la motivazione a occuparsi di qualcuno e soprattutto per i bambini potrebbe essere importante: i piccoli, sapendo che devono dargli da mangiare, accudirlo, imparano a prendersi cura dell’altro e questo aiuta lo sviluppo del senso di responsabilità nonché dell’empatia. Un cucciolo significa contare su un legame affettivo, di contatto, non scontato: E’ divertimento, un compagno di vita e di giochi accogliente e non giudicante.

Immagine incorporata 3

Rigenerazione Solstiziale: Ben arrivato Inverno!

wll_001“Il Re è morto, evviva il Re!”, con questa formula i francesi annunciavano la morte del re e acclamavano il suo successore. 

Il Solstizio di Inverno, nei secoli e nei vari continenti, viene così celebrato come la morte del Sole Vecchio e la gloriosa nascita del Sole Bambino.

Come l’Araba Fenice, così il Sole si spegne tra le braccia della Madre Terra, per rinascere dal suo grembo l’alba seguente.

Sei pose per l’equilibrio

Durante le mie lezioni mi rendo conto che i miei allievi affrontano molto più serenamente la pura fatica fisica rispetto alle posizioni di equilibrio che spesso scelgo per il riscaldamento.

L’equilibrio fisico è qualcosa di prezioso, raggiungerlo permette a chi pratica yoga o pilates di acquisire maggiore sicurezza, concentrazione e non solo…

La ricerca dell’equilibrio è un viaggio non privo di fatica, ma la ricompensa rende il tutto accettabile. Ho scelto un percorso lungo 6 posizioni che preparano per l’attività fisica donando concentrazione, equilibrio, forza e attivazione muscolare. Vediamole:

Sei pose per l’Equilibrio

Yoga e Mal di Testa

Da poco un carissimo amico che soffre di cefalea a grappolo, mi ha chiesto se c’è la possibilità di attenuare questi brutti fastidi con lo yoga o il pilates. Il suo caso è raro e particolarmente doloroso, me l’ha descritto come delle lame  nel cervello. Pur non soffrendo di mal di testa, so che alcuni miei allievi arrivano a lezione col mal di testa, ma a fine pratica se ne vanno leggeri e felici. Respirare, rilassare il corpo, allungarlo, distenderlo, sentirlo e prendersene cura: la pratica yoga è questo e molto di più.

PPM

STUDIO YOGA PILATES

Via Guarini 4, TORINO
Corso Tassoni 25, TORINO
Corso Orbassano 191/1, TORINO

Tel e Cell

011.19705609 - 3711812414
011.068.66.62 – 349.236.48.70
011.536.44.66 – 324.7726813

Mail

lagrange@yogapilates.it
tassoni@yogapilates.it santarita@yogapilates.it
ИТ новости