• prova_slide2

  • prova_slide2

  • LEZIONI MINIGRUPPO PILATES
  • LEZIONI CON I GRANDI MACCHINARI (REFORMER, CADILLAC, CHAIR, BARREL, SPRINGWALL)

Posts Taggati ‘asana’

Seminario Yoga Dinamico – Il potere Terapeutico dello Yoga

 

 

Sabato 9 Luglio 2016 orario 11.00 – 12.30

Presso lo Studio YogaPilates di Corso Tassoni 25.

Lo yoga è una scienza pragmatica atemporale, che si è evoluta nel corso dei secoli e che si occupa del benessere fisico, morale, mentale e spirituale dell’uomo nella sua totalità.
“Quando i sensi sono placati, quando la mente ha trovato riposo, quando l’intelletto non vacilla: allora, dice il saggio, si è raggiunto lo stadio più alto.
Lo yoga è una tecnica ideale per prevenire la malattia fisica e mentale, per preservare la salute del corpo che inevitabilmente induce fiducia, forza e sicurezza.

Per la sua natura è inscindibilmente legato alle leggi universali: rispetto per la vita, verità e pazienza, tutti fattori indispensabili per raggiungere la calma della mente e la fermezza della volontà. In ciò risiedono le qualità etiche dello yoga. Per questo richiede un impegno continuo e totale che coinvolge e plasma l’intero essere dell’uomo. Non implica ripetizioni meccaniche o devozione esteriore: per la sua intima essenza è un atto di vita, in ogni tempo e in ogni momento.
L’obiettivo del seminario è quello di approfondire, attraverso la sequenza di asana, il potere terapeutico della disciplina: cominciando dal primo pranayama, continuando con le posture (in piedi, sedute e rovesciate) e terminando con la pratica meditativa che apre le porte a savasana (rilassamento).

Quota associativa: 20€ SOCI ° 25€ NON SOCI ° 35€ TEACHER

Per partecipare al Seminario è necessaria la prenotazione e il pagamento anticipato, poichè il seminario è a numero chiuso
Per info e prenotazioni contattare la segreteria.

Asana di flessione in avanti

HandsFeet-8147WEB

Le asana di flessione in avanti sono tutte quelle posture in cui il corpo si piega in avanti, esse esercitano un profondo massaggio, migliorano il funzionamento degli organi e delle viscere della cavità addominale.

Stirano e rivitalizzano i muscoli posteriori, danno elasticità alla colona vertebrale, sbloccano e tranquillizzano il sistema nervoso autonomo migliorando l’equilibrio emozionale. Favoriscono la digestione, contrastano la gastrite, dispepsia, scoliosi, ansia, insonnia. Regolano l’attività cardiaca e la tensione arteriale. Tra queste asana vediamo nello specifico:

Janu Sirsasana

600px-Janusirsasana_Yoga-Asana_Nina-Mel

BENEFICI:

Sistema scheletrico: Fornisce mobilità alla colonna vertebrale. Contrasta la lordosi lombare e cervicale.   Sistema muscolare: Dona flessibilità alla catena muscolare posteriore del corpo. Migliora significativamente lombalgia e dolori al nervo sciatico. Lavora intorno all’addome, rendendo i muscoli addominali più flessibili.   Sistema circolatorio: Aumenta la circolazione del sangue nella catena posteriore, nella zona del tronco sino alla testa.   Sistema Nervoso: Allevia la compressione dei filamenti nervosi che escono dalla colonna vertebrale, in particolare la zona cervicale e lombare. Calma il sistema nervoso. Produce psichicamente una piacevole sensazione di leggerezza e pulizia nell’addome; aumenta la fiducia, la sicurezza in se stessi, l’energia e il potere decisionale.   Sistema organico: Stimola attraverso la compressione gli organi del bacino e della zona addominale, in particolare l’intestino, migliorando l’evacuazione in caso di stitichezza.

Aditiasana 

_MG_9160_bn

BENEFICI:

  Sistema scheletrico: Dona flessibilità e mobilità della colonna vertebrale. Benefico per i problemi di lordosi lombare e cervicale.   Sistema muscolare: Rilassa la catena muscolare posteriore del corpo, allungandola e massaggiandola. Lavora intorno all’addome. Aumenta la tensione nei muscoli posteriori ed esterni delle gambe. Tonifica l’addome. Allunga i muscoli interni.   Sistema circolatorio: Aumenta la circolazione del sangue nella catena muscolare posteriore e nella zona del tronco sino alla testa.   Sistema Nervoso: Allevia la compressione dei filamenti nervosi che escono dalla colonna vertebrale, in particolare quelli della zona cervicale e lombare.   Sistema organico: Stimola per compressione gli organi addominali: in particolare stimola stomaco, pancreas e fegato.

Cosa sono le Asana e i loro benefici

image Le asana sono alcune posizioni che il corpo assume per influire beneficamente su tutti gli organi e ghiandole, sul sistema neuromuscolare, su una varietà di funzioni e sull’energia, armonizzando anche la parte mentale. Le asana o posture recano beneficio a tutti i sistemi del corpo: circolatorio, respiratorio, digerente, endocrino e nervoso. Le asana promuovono l’integrazione corpo-mente, acquietano il sistema nervoso e pacificano le emozioni. Irrigano di sangue tutte le zone del corpo, migliorano l’elasticità dei tessuti, aiutano il funzionamento cerebrale, forniscono flessibilità alla colonna vertebrale, alle articolazioni ai tendini, ai muscoli e ai nervi. Eliminano le contrazioni e gli spasmi e inducono ad un rilassamento profondo e ristoratore. Prevengono i disturbi somatici e psicosomatici, e aiutano i disturbi emotivi e mentali. Regolarizzano i battiti del cuore e la pressione sanguigna, migliorano il funzionamento del sistema locomotore e rivitalizzano tutto il corpo.

posizione-yoga-asana

 Prevengono l’invecchiamento precoce e mantengono il corpo flessibile e forte. Le Asana fanno si che il corpo assuma posizioni che in altro modo non adotterebbe mai, influenzando tutto il corpo in maniera benefica. Ci sono numerose posizioni, dalla più semplice alla più complicata o difficile. Circa una trentina sono le posture base fondamentali, esistono un sacco di varianti che possono essere adattate alle esigenze di ogni persona. Nella maggior parte delle posizioni si esercitano contemporaneamente stretching e massaggi, ad esempio, le posizioni di flessione in avanti allungano tutti i muscoli posteriori del corpo ed esercitano un massaggio su tutti gli organi dell’addome, mentre le posizioni di piegatura all’indietro, allungano i muscoli anteriori esercitando un massaggio sulla zona renale. In definitiva le asana sono un beneficio per il corpo, la mente e lo spirito, e possono essere praticate da chiunque voglia avere cura totale della propria anima.  tipi-di-asana

Asana di equilibrio

equilibrio yoga Le posizioni di equilibrio nella pratica dello yoga risultano fondamentali per il controllo della mente, la concentrazione e l’allenamento del corpo, esse sviluppano leggerezza, agilità e forza,  migliorano il tono muscolare, la coordinazione dei movimenti rafforzando le braccia e le gambe. Per l’esecuzione di queste asana si richiedono polsi molto forti, non è consigliabile la pratica alle donne in gravidanza, gli anziani e i principianti, o per 12-18 mesi successivi ad un intervento all’addome. Le asana di equilibrio restituiscono armonia al corpo, migliorano la respirazione e massaggiano il cuore, tonificando l’apparato respiratorio, inoltre lavorando tra cielo e terra permettono di migliorare il radicamento al suolo  e il contatto con la natura e la parte più ancestrale che risiede in ognuno di noi. Favorendo in contemporanea l’allungamento del corpo verso il cielo avvicinandoci alla parte più spirituale e il contatto con il divino che dimora nel nostro cuore. Vediamo ora 2 asana di equilibrio tra le praticate nello yoga:

Vrksasana

equilibrio-e-stabilita L’asana dell’albero, prende il nome da vrksa, che significa appunto albero, questa è tra le posizioni più conosciute e diffuse nello yoga, possiamo affermare che nell’immaginario collettivo lo yoga venga identificato con quest’ asana. Ne esistono molte varianti, ma 5 sono quelle fondamentali, tutte simili tra loro, ma che, se praticate in sequenza, consentono di percepire, attraverso i micro-movimenti,  come lavorano i diversi muscoli coinvolti nella pratica, lo spostamento del peso e dell’equilibrio,  migliorando di volta in volta la consapevolezza del proprio corpo. Vrksasana si esegue portando il peso del corpo sulla gamba sinistra, una volta raggiunto il radicamento e la stabilità, si solleva la gamba destra afferrandone la caviglia e appoggiando il piede all’altezza dell’inguine, sopra il ginocchio, successivamente si sollevano le braccia congiungendo i palmi della mani e portandole sopra il capo o all’altezza del cuore. Durante l’esecuzione di questa posizione è importante sentire il contatto con la terra, come se la parte inferiore del nostro corpo rappresentasse le radici dell’albero che sprofondano nel terreno, mentre la parte superiore, tende verso il cielo, si allunga come la chioma dell’albero che tende verso il sole, la luce, il divino.

Virabhadrasana

virabhadrasana-c

Quest’ asana prende il nome da Virabhadra, un potente guerriero nato da una ciocca di capelli lanciata al suolo da Shiva, irato per la morte della sua sposa Shakti, è una posizione di natura maschile che rappresenta la forza virile dell’ira del signore della distruzione. Può sembrare strano che nello yoga ci sia una posizione chiamata ‘del guerriero’, ma non dimentichiamo che nella Bhagavad-Gita, uno dei testi vedici più importanti, si narra del dialogo tra il principe guerriero Arjuna e Krishna, il Signore Supremo, sul campo di battaglia Kuruksetra. In realtà ciò che simboleggia quest’ asana è la forza e l’ideale del ‘guerriero spirituale’ che si batte contro l’ignoranza, motivo di tutte le nostre sofferenze.

Questa posizione celebra un’apertura alla vita, conferisce stabilità, equilibrio, radicamento, allineamento, rafforza le gambe e la schiena.

E’ adatta quando si vuole acquisire potere decisionale e forza, per guardare in avanti con calma e consapevolezza del proprio passato.

Esistono 3 versioni, quella che presentiamo, è la più complessa, si porta il peso sulla gamba destra, portando la schiena parallela al suolo, una volta raggiunto il radicamento, si solleva la gamba sinistra e si aprono le braccia, unendo i palmi delle mani, con le braccia in linea con il capo e la schiena.

Si avvicina l’estate, riequilibrarsi con lo Yoga.

yogayo33

Con l’arrivo della bella stagione il nostro corpo si sente rinvigorito, il nostro umore migliora e la pelle diventa più luminosa, ma con l’arrivo del caldo il nostro corpo può risentire anche di stress, nervosismo, intestino irregolare e problemi digestivi. Questi disturbi capitano spesso agli individui di tipo Pitta, la medicina ayurveda distingue gli individui in tre categorie: VATA, PITTA e KAPHA.

Gli individui Vata sono tendenzialmente magri, dalla pelle secca, colorito scuro, dormono poco e non sudano molto.

Gli individui Pitta sono di costituzione media, capelli sottili, carnagione chiara e soggetti a stress.

Gli individui di tipo Kapha sono di costituzione corpulenta, capelli folti e scuri, perdono peso con molta difficoltà, carnagione molto scura e facile ad abbronzarsi.

Anche se gli effetti del caldo intenso sono maggiormente patiti dagli individui Pitta, chiunque può risentire di tali disturbi, vediamo due asana anti-caldo:

Pashimottanasana

pascimottana

Posizione della testa ai piedi, è una postura che aiuta a rilassare il corpo, stira i muscoli posteriori delle gambe, allunga la colonna vertebrale, rafforza il sistema nervoso e gli organi interni. Si esegue portando il corpo in avanti piegando fino a toccare con la fronte e il petto le ginocchia e afferrare con gli indici gli alluci. Il respiro è regolare e calmo.

Savasana

savasana

Posizione del cadavere, è una posizione di rilassamento tipica nello yoga, nei momenti di forte caldo calma il sistema nervoso, allunga tutto il corpo e rilassa ogni singola parte, rinfrescando la attraverso il contatto della parte Yang tutto il corpo e la mente.

Due tecniche di respirazione anti-caldo:

Shitali

Shitali-Pranayama

                         pranayam3

Respirazione Shitali, Shit vuol dire freddo, la respirazione shitali (calma e quiete) rinfresca il corpo nei giorni di maggior caldo e afa. Seduti in una posizione comoda con il busto ben eretto, si arrotola la lingua a cucchiaio o semplicemente si socchiude la bocca in una O. Inspiriamo con la bocca aperta l’aria che entra dalla lingua arrotolata ed espiriamo chiudendo la bocca, dal naso, eseguiamo 9 respiri.

Sitkari

sitkari-pranayama

Serrando i denti, apriamo le labbra e aspiriamo l’aria attraverso le fessure dei denti emettendo il suono sit, ed espiriamo chiudendo la bocca, dal naso.

17 Maggio Seminario: Pranayama-Asana-Yoganidra Armonizzazione Chakra Cristalli e Campane Tibetane

ok seminario

 

- Esercizi di respirazione;

- Posizione di base dello yoga;

- Rilassamento, tecniche di meditazione e auto massaggio;

- Cenni sul suono e sulla guarigione vibrazionale;

- La distensione del cuore: pratiche per la distensione del diaframma e del sistema respiratorio;

- Riequilibrio dei centri energetici con l’uso delle campane tibetane e cristalli

SABATO 17 MAGGIO

ore 11,00 – 12,30

Cso Orbassano 191/1

L’insegnante Daniela Carignano terrà un seminario il giorno SABATO 17/05 dalle 11:00 alle 12:30 presso lo studio di C.so Orbassano 191/1 : PRANAYAMA-ASANA-YOGANIDRA ARMONIZZAZIONE CHAKRA CRISTALLI E CAMPANE TIBETANE

Il costo del seminario è di €20 per i soci e € 25 per i non soci e €35 per teacher

Importante: Per partecipare al Seminario è necessaria la prenotazione e il pagamento anticipato, poichè il seminario è a numero chiuso

Per info e prenotazioni: tel 01106866620115364466 Orario segreteria: dal lun al ven dalle 16.00 alle 20.00 info@yogapilates.it www.yogapilates.it o rivolgersi in segreteria

Ashtanga Yoga – manuale per la pratica

swensonmanualeitaliano Consigliamo per chi si è appassionato alla pratica dello yoga un ottimo manuale di ashtanga finalmente anche in italiano, scritto da David Swenson. Potrete approfondire la pratica energetica del Surianamaskara e tutte le Asana della prima serie e della serie intermedia, con consigli su eventuali variazioni da apportare all’asana se il nostro fisico-mente-spirito non è  ancora pronto.

Analisi lezione Yoga martedì 30 settembre

Analisi lezione Yoga martedì 30 settembre

Buona giornata a tutti gli iscritti alla Newsletter YogaPilates.it, ci scusiamo per il ritardo nell’invio dell’analisi di martedì scorso, ma abbiamo avuto un grande lavoro vista la vostra così numerosa presenza alle classi, vi ringraziamo per questo.

Martedì abbiamo analizzato 3 equilibri importanti nello Yoga:
 
Vrksasana (Posizione dell’albero)
VIRABHADRASANA III (equilibrio su un piede)
garudasana (variazione della posizione dell’aquila)

Abbiamo poi proseguito la lezione con l’importante àsana chiamata trikonasana (l’abbiamo già vista in precedenza) poi proseguendo abbiamo proseguito con l’allungamento della gamba a 90° rispetto alla coscia Uttita parsvakonasana (ginocchio flesso).

Proseguendo abbiamo poi compensato con l’àsana chiamata Setu Bandha Sarvangasana (Posizione del ponte) che aiuta a migliorare la capacità toracica respiratoria e polmonare, oltre ad irrobustire ed a elasticizzare la colonna vertebrale.
Prendiamo in esame una delle ultime àsana che abbiamo visto Marichyasana A (esiste anche una variante B) è molto utile per massaggiare la parte interna del nostro addome inclusi fegato e reni.

Per martedì 7 ottobre vi anticipiamo la lezione "YOGA e sistema nervoso" che sarà la prima di un ciclo di 4 lezioni nelle quali andremo a visionare delle serie di àsana specifiche per una determinata problematica.
Nella fattispecie domani andremo ad analizzare una serie creata per controllare il nostro sistema nervoso, per chi soffre di tutte quelle piccole e grandi disarmonie psicosomatiche che sono alla base di quasi l’80% delle nostre malattie.
Nell’augurarvi una buona giornata vi rinnovo l’invito a seguire con interesse questo percorso interiore, perchè come gia i romani ci insegnavano "Mens sana in corpore sano".

Per chi non fosse gia iscritto al corso di Yoga troverà di seguito le informazioni necessarie

INIZIO NUOVI CORSI YOGA 2008/2009
IMPERDIBILE PROMOZIONE CORSI YOGA PER TUTTO L’ANNO

Come dalla vera tradizione Yoga siamo gli unici a proporvi i nostri corsi di Yoga ad ingresso con OFFERTA (offerta minima gradita 5€).
DAI TU IL VALORE ALLA NOSTRA LEZIONE !!!

Le lezioni trattano lo sviluppo delle ASANA (posizioni) del PRANAYAMA (respiro) e dello YOGA NIDRA (rilassamento profondo), oltre che tutte le varianti che questa meravigliosa disciplina ci può offrire da millenni. Tratteremo parti di equilibrio fisico e mentale ed intervalleremo le lezioni con parti di Yoga statico (Hatha Yoga) a parti di Yoga Dinamico (ASHTANGA YOGA).

Ingresso delle lezioni ad OFFERTA (offerta minima gradita 5€)
ISCRIZIONE ED ASSICURAZIONE annuale 25 EURO

Ecco la sede nella quale si svolgono i nostri corsi di YOGA:

Tutti i martedì dalle 10,00 alle 11,00 e la sera dalle 18,00 alle 19,00
Strada Lanzo 144 (TO) – a 2 passi da VENARIA c/o Polisportiva

Lezioni private e personalizzate di Hatha Yoga, Ashtanga Yoga e Micromassaggio Cinese
solo su appuntamento presso:

Studio Yoga&Pilates®‎
via Portula 13 (TO)

CONTATTI per INFO e ISCRIZIONI:
Tel. 011.22.13.919
Cell. 333.66.33.775
Cell. 328.22.22.390
Mail: info@yogapilates.it

 

 

SURIANAMASKARA A – SALUTO AL SOLE

Chiamato “Aruna” è una energica pratica di depurazione. Visualizza scheda Immagine parziale 1 del saluto al sole Immagine parziale 2 del saluto al sole Immagine completa del saluto al sole Una pratica completa per sciogliere e rafforzare tutto il corpo, e praticabile indipendentemente dall’età e dal sesso. Si compone di una serie di movimenti in sequenza combinati con la respirazione. E’ un esercizio che riempie il corpo di energia ed aiuta a controllare il respiro. Non sforzatevi di eseguire perfettamente le posizioni: ogni movimento dovrà essere rilassato e ritmato, concentrandosi sull’armonia e la fluidità della sequenza di movimento in accordo con il ritmo del respiro (inspirazione/espirazione). Il saluto al sole dovrebbe essere eseguito preferibilmente al mattino quando sorge il sole, oppure la sera quando tramonta. Abituatevi ai vari movimenti con gradualità senza mai sforzare il corpo. COME SI ESEGUE: Partite in posizione di samastiti o tadasana espirate profondamente per eliminare dal corpo l’aria in eccesso, inspirando apriamo le braccia lateralmente e le portiamo su unendo i palmi delle mani, lo sguardo in direzione dei pollici, espirando scendiamo in Uttanasana (piegamento in avanti in piedi) con le braccia ed il busto in flessione sulle gambe fino a toccare con le mani il pavimento (*o fino a dove arrivate foto n.3) inspirando portate le spalle indietro e raddrizzate la colonna vertebrale (foto n.4), espirando fate un salto controllato all’indietro (*nella variazione portiamo prima la gamba destra, poi quella sinistra indietro ed appoggiamo le ginocchia stando in posizione quadrupede) arrivando con i piedi al fondo del vostro tappetino in posizione di chaturanga o in flessione cercando il controllo del corpo allineato a pelo del pavimento e con i gomiti stretti ai fianchi (foto n.5), inspirando facendo leva con le braccia le mani ben allargate ed i piedi che fanno leva girandosi sul dorso ci tiriamo su con il busto con la testa e lo sguardo (*nella variazione scendiamo tra le braccia col il torace all’altezza del pavimento, scivolando in avanti) in posizione di Urdhva Mukha Svanasana del cane a testa in su (foto n.6), espirando sfruttiamo una nuova leva che nasce dal bacino, centro del nostro corpo, che diventa l’angolo più acuto del triangolo, spingendo bene con le mani le braccia e le gambe andiamo in Adho Mukha Svanasana posizione del cane a testa in giù (foto n.7), li restiamo per 5 respiri (inspiro ed espiro sempre dal naso), poi inspirando, piegando le ginocchia e scendendo con le gambe attive, effettuiamo un salto controllato in avanti tra le mani che rimangono ancora nella stessa posizione, portandosi con la schiena a tavola (*nella variazione dal cane a testa in giu, portiamo in avanti prima la gamba destra e poi la gamba sinistra in mezzo alle mani, o più vicino possibile, raddrizzando la schiena a tavola), a questo punto espirando ci portiamo in alto anche con l’aiuto del movimento delle braccia, che ci guidano su come nella foto n.2 ed espirando riportiamo le mani giunte in preghiera davanti al petto. BENEFICI GENERALI: le posizioni favoriscono sia l’allungamento di tutte le membra del corpo sia l’elasticità e la scioltezza della colonna vertebrale. Il Surya-Namaskara A pratica energetica della forma più tradizionale dell’Asthanga Viniasa Yoga, tende a sviluppare la consapevolezza del respiro promuovendo l’armonia tra l’inspirazione e l’espirazione da cui risulta un profondo stato di lucida calma. In particolare, come accennavo, se eseguito all’alba, agevola l’acquisizione dell’energia necessaria per affrontare l’attività quotidiana. Infine, dal punto di vista psicologico, esso aiuta l’insorgere del “pensiero positivo”, la predisposizione all’azione, e l’abilità nella decisione. BENEFICI SPECIFICI: Sistema nervoso Nei movimenti di Surya Namaskara la colonna vertebrale viene allungata e compressa al massimo della sua estensione, stimolando la circolazione in tutto il midollo spinale e in tutti i plessi nervosi. Il sistema nervoso periferico, che si trova fuori dal sistema nervoso centrale (cervello e midollo), consiste di due parti: quella volontaria e quella involontaria. Il sistema volontario governa le funzioni del corpo che sono sotto il controllo cosciente, come il movimento dei muscoli principali. Il sistema involontario, o sistema autonomo, governa quelle funzioni sulle quali l’uomo non ha un controllo cosciente. Il battito del cuore, la respirazione, le secrezioni ghiandolari e le funzioni di quasi tutti gli organi interni, vengono regolati secondo le necessità del corpo da impulsi lungo i nervi involontari. Il sistema involontario consiste di due sistemi opposti: simpatico e parasimpatico. L’interazione equilibrata di questi due mantiene una buona salute. Quindi Surya Namaskara tonifica i flussi nervosi stimolando gli organi interni, allunga i nervi e favorisce l’attivazione del Prana nei centri cerebrali. Dopo la pratica si potrebbe sentire il corpo vibrare di energia e l’intero sistema nervoso viene attivato e sembra che si risvegli. Sistema Respiratorio Generalmente nella respirazione quotidiana viene usata solo la parte inferiore dei polmoni mentre quella superiore si affloscia o puಠanche diventare piena di depositi stagnanti di aria viziata, di biossido di carbonio e di gas tossici. Questi depositi rimangono nei polmoni per anni, recando effetti negativi sulla respirazione e su altri sistemi del corpo. Con il Surya Namaskara vi è una respirazione profonda e ritmica sincronizzata con ogni movimento, che vuota completamente i polmoni e li riempie di aria fresca, pulita ed ossigenata. Si eliminano rapidamente la pigrizia e la letargia. Malattie respiratorie e l’eccesso di muco nei passaggi d’aria possono essere eliminati. Sistema circolatorio Surya Namaskara migliora l’azione cardiaca, ma senza sforzo come negli esercizi di ginnastica. Ne risulta un migliore flusso sanguigno che accelera l’eliminazione dei materiali di rifiuto e introduce ossigeno fresco e nutrimento per tutte le cellule. Vengono rimossi i depositi di sangue stagnante dalla milza e dagli altri organi e una migliorata circolazione generale. I muscoli cardiaci vengono rinforzati e i vasi sanguigni del cuore, le arterie coronarie, vengono stimolate a moltiplicarsi, migliorando la circolazione e riducendo la possibilità di un attacco di cuore. Possono essere eliminati: la circolazione pigra, mani e piedi freddi, malattie dei vasi sanguigni e l’affaticamento generale. Sistema digestivo I movimenti alterni di allungamento e compressione tonificano l’intero sistema digestivo massaggiando e stimolando completamente tutti gli organi addominali. Non solo viene favorita l’eliminazione ma aumenta anche il fuoco digestivo, promuovendo un appetito sano ed una completa e rapida assimilazione del cibo. Sistema urinario I reni eseguono la funzione vitale di regolare l’acqua ed i Sali nel corpo. Filtrano anche le impurità del sangue che vengono eliminate con l’urina attraverso la vescica. Un crollo della normale azione dei reni crea uno squilibrio salino e un maggior livello di azoto che portano a gravi malattie. Con Surya Namaskara la colonna vertebrale ed i muscoli del dorso vengono mossi in modo tale da premere e massaggiare gentilmente i reni, ciಠstimola la loro funzione ed aumenta il flusso di sangue che li attraversa. Pelle La pelle è l’organo più grande del corpo ed oltre a tenere il corpo insieme, serve a regolare la temperatura del corpo ed inoltre ad eliminare quantità di rifiuto attraverso la respirazione. Quando nel sangue vi è un eccesso di materiale velenoso, questo esce attraverso la pelle in forma di foruncoli, pustole ed esantemi. Surya Namaskara provoca la perspirazione, accelera la respirazione e favorisce l’eliminazione dei rifiuti attraverso il sistema digestivo ed urinario, pulisce e conferisce una carnagione luminosa e pulita, vengono diminuiti i cattivi odori del corpo e viene migliorata la circolazione generale del sangue nella pelle. Tutte le asana allungano la pelle ed i tessuti elastici tonificando e favorendo la preservazione delle loro funzioni. Si consiglia di praticare la mattina dopo la doccia almeno 3 serie di SURIANAMASKARA A per iniziare bene la giornata e per ricaricare il corpo e la mente della giusta energia, praticando in modo dinamico elimina le tossine e depura il corpo oltre a favorirne l’elasticità , un vero e proprio elisir di lunga vista se praticato con costanza. Il saluto al sole porterà salute, efficienza e longevità . Ottimo da eseguire al mattino prima di altre pratiche yoga, si rivela molto efficace quando si avverte stanchezza sia fisica che mentale Copyright® YogaPilates.it Tutti i diritti su questo materiale sono riservati

Salamba Sarvangasana

(Posizione della Candela con supporto) salamba = con supporto (sa = con alamba = supporto) sarva = tutto anga = arti. Esistono variazioni della Posizione della Candela senza supporti = niralamba) Scarica la scheda in Word
Nonostante non sia esplicitamente trattata sui testi classici dell’hatha-yoga, questa postura si è guadagnata il titolo di “regina degli âsana” a causa della sua grande importanza ed efficacia. Salamba Sarvangasana è una posizione di media/elevata difficoltà. COME SI ESEGUE: sollevarsi in Sarvangasana dal pavimento può essere difficile, in un primo momento. Puoi appoggiarti al muro per realizzare la posizione più facilmente. Sistema le coperte a 30 cm. circa dal muro. La distanza esatta varia a seconda della tua altezza. Più sei alto, più le coperte dovranno essere distanti dal muro, più sei basso, più dovranno essere vicine. Siediti sul supporto con il viso rivolto al muro ed espirando, appoggia le spalle sul bordo delle coperte e solleva le gambe contro il muro. Fletti le ginocchia ad angolo retto, spingi con i piedi verso il muro e solleva il bacino dal supporto. Quando il torace e le cosce saranno perpendicolari al pavimento, stacca i piedi dal muro e completa la posizione. Per sciogliere la posizione, espira, riporta i piedi al muro e scendi. Provare la posizione senza l’aiuto della parete. BENEFICI: rilassa la mente e aiuta ad alleviare lo stress e le forme di depressione lieve, stimola la tiroide, le ghiandole della prostata e gli organi dell’addome, allunga spalle e collo, tonifica gambe e glutei, migliora la digestione, contribuisce ad alleviare i sintomi della menopausa, allevia la sensazione di stanchezza e attenua i sintomi dell’insonnia, svolge una funzione terapeutica per asma, infertilità e sinusite. Copyright© YogaPilates.it Tutti i diritti su questo materiale sono riservati

PPM

STUDIO YOGA PILATES

Corso Tassoni 25, TORINO
Corso Orbassano 191/1, TORINO
Via Guarini 4, TORINO

Tel e Cell

011.068.66.62 – 349.236.48.70
011.536.44.66 – 324.7726813
011.19705609 - 3711812414

Mail

info@yogapilates.it
ИТ новости