• prova_slide2

  • prova_slide2

  • LEZIONI MINIGRUPPO PILATES
  • LEZIONI CON I GRANDI MACCHINARI (REFORMER, CADILLAC, CHAIR, BARREL, SPRINGWALL)

Yoga



COS’E’ LO YOGA? LE LEZIONI DI YOGA NEL DETTAGLIO
 
Le lezioni trattano essenzialmente pratiche fisiche: asana (posture) e pranayama (controllo del respiro) inteso come insieme di pratiche respiratorie finalizzate al governo dell’energia vitale. In queste lezioni vengono proposte varianti semplificate degli asana abbinati alla respirazione che favoriscono l’acquisizione di una corretta postura e lavorano su gli allineamenti di base, allungamenti e aperture articolari. Si cerca di portare il praticante ad un adattamento graduale agli asana superando le limitazioni personali. Le spiegazioni tecnico-pratiche e le raccomandazioni aiutano l’allievo a raggiungere una maggiore consapevolezza corporea. L’asana o posizione dona fermezza, salute e leggerezza al corpo, crea equilibrio mentale e previene l’incostanza della mente. Le asana non sono soltanto degli esercizi ginnici. Per eseguirle occorre un luogo arioso e pulito. Possono essere eseguite da soli, in quanto gli arti del corpo forniscono i pesi e i contrappesi necessari. Colui che pratica le asana sviluppa agilità , equilibrio, resistenza e aumenta la propria vitalità . Le asana si sono perfezionate nei secoli così da esercitare ogni muscolo, nervo e ghiandola del corpo; assicurano un bel fisico, forte ed elastico, che non è legato dai muscoli e tengono il corpo lontano dalle malattie. Riducono la fatica e calmano. La loro prima importanza è nel fatto che allenano e disciplinano la mente. Sebbene lo yogi non sottovaluti il proprio corpo, non pensa soltanto alla perfezione fisica, ma anche a quella dei propri sensi, dell’anima, dell’intelletto e della mente. Lo yogi conquista il corpo con la pratica delle asana e ne fa un veicolo idoneo al proprio spirito. Eseguendo le asana, si ottiene per prima cosa la salute, che non è mera esistenza, ma uno stato di completo equilibrio del corpo, della mente e dello spirito.

PRINCIPI FONDAMENTALI PER LA PRATICA DELLO YOGA

I seguenti punti sono consigliati per un ottimo approccio alla pratica dello yoga, in modo che i benefici dello yoga possano essere concreti per qualsiasi tipo di praticante, dal livello base e preparatorio alle asana (posizioni dello yoga), ai livelli intermedio ed avanzato.

RESPIRAZIONE: respirare sempre attraverso il naso (almeno che non vengano date indicazioni contrarie), cercando di coordinare il respiro con la pratica dell’asana.

CONSAPEVOLEZZA: questa è fondamentale per tutte le pratiche dello yoga, dalle asana al pranayama e via dicendo. Le asana possono ad un primo momento interessare solo il nostro stato fisico, ma se aggiungiamo a questo la nostra consapevolezza ogni persona potrà andare ad armonizzare tutti i livelli del suo essere. Nello yoga ogni movimento deve essere sentito, deve essere consapevole, dobbiamo indirizzare la nostra concentrazione su quello che stiamo facendo in modo che tutto il nostro essere sia consapevole di come respiriamo, di come ci muoviamo, di cosa percepiamo.

RILASSAMENTO: può essere praticato in qualsiasi momento durante la pratica delle asana, specialmente quando vi sentite fisicamente o mentalmente stanchi.

ORARIO DELLA PRATICA: le asana possono essere praticate in qualsiasi ora del giorno. In ogni caso il momento ideale per la pratica superiore di yoga sarebbe due ore prima il sorgere del sole, è il momento pià indicato perchè l’atmosfera è pura e tranquilla, le attività di stomaco ed intestino sono ridotte, la mente è sostanzialmente vuota di pensieri in preparazione della lunga giornata. Il praticante troverà i muscoli pià rigidi la mattina presto rispetto alla sera quando invece sono pià flessibili. Anche la sera, due ore prima il tramonto è un periodo favorevole per la pratica.

LUOGO DELLA PRATICA: praticare in una stanza calma e tranquilla, o se si ha la possibilità anche all’aperto in un contesto piacevole. Non praticare dove c’è forte vento, al freddo, dove c’è aria sporca con fumo e odori spiacevoli.

COPERTA: per le pratiche utilizzare una coperta ripiegata preferibilmente di materiale naturale, che agirà da isolante tra il corpo e la terra. In alternativa utilizzare materassino da ginnastica per la pratica.

INDUMENTI: durante la pratica è meglio indossare abiti larghi, leggeri e comodi. Prima di iniziare la pratica togliere occhiali, orologi e gioielli.

SVUOTARE L’INTESTINO: sarebbe preferibile prima di iniziare la pratica delle asana svuotare l’intestino e la vescica.

STOMACO VUOTO: mentre praticate le asana lo stomaco dovrebbe essere vuoto e per essere sicuri non si dovrebbe praticare prima di due o tre ore dall’ultimo pasto.

NON SFORZARE: non esercitare mai uno sforzo non necessario quando praticate le asana. I principianti inizialmente potrebbero sentire la muscolatura rigida, ma dopo diverse settimane di pratica regolare saranno sorpresi di trovare che i muscoli sono diventati più flessibili.

LIMITI DI ETA’: le asana possono essere praticate da persone di ogni età , uomini e donne.

SOSPENSIONE DELLE ASANA: se si sente dolore eccessivo in qualsiasi parte del corpo, l’asana deve essere interrotta immediatamente, non mantenere mai un’asana se si prova del disagio, l’asana deve essere sempre comoda.

ASANA CAPOVOLTE: non devono essere praticate durante il periodo mestruale o nell’ultimo periodo della gravidanza. Importantissimo per assicurarsi che le tossine non vadano al cervello.

posizioni_yoga_big.jpg

ASANA (una serie di posizioni e di schede in parte scaricabili selezionate per voi):

ADHO MUKA SVANASANA – posizione del cane a testa in già
ADITYASANA – (Posizione di Adity)
ANANTASANA -posizione di ananta
ARDHA BADDHA PADMOTTANASANA – posizione del mezzo loto in piedi
ARDHA BADDHA PASCHIMOTTANASANA – posizione del mezzo loto
ARDHA CHANDRASANA – posizione della mezza luna
ARDHA MATSYENDRASANA – posizione di mezza torsione
BADDHA KONASANA – posizione legata
BAKASANA – posizione della gru
BHARADVAJASANA I – posizione del guerriero
BHASTRIKA PRANAYAMA
BHRAMARI PRANAYAMA
BHUJANGASANA – posizione del cobra
BHUJAPIDASANA – posizione della spalla
CHATURANGA DANDASANA – posizione del bastone a terra
DANDASANA – posizione del bastone
DHANURASANA – posizione dell’arco
EKA PADA RAJAKAPOTASANA – posizione del piccione reale
EKA PADA SETU BANDHA SARVANGAS – posizione del ponte con un piede
GARUDASANA – posizione dell’aquila
GOMUKHASANA – posizione della testa di vacca
HALASANA – posizione dell’aratro
HANUMANASANA – posizione della scimmia
JANU SIRSASANA – posizione della testa verso il ginocchio
JATHARA PARIVARTASANA – posizione di torsione attorno allo stomaco
KARNAPIDASANA – posizione delle ginocchia alle orecchie
KROUNCHASANA – posizione dell’airone
KURMASANA – posizione della tartaruga
MARICHIASANA I – posizione del saggio Marichi I
MARICHIASANA II – posizione del saggio Marichi II
MARICYASANA III – posizione del saggio Marichi III
MATSYASANA – posizione del pesce
PADANGUSTHASANA – posizione mani – piedi
PADMASANA – posizione del loto
PARIGHASANA – posizione del cancello
PARIPURNA NAVASANA – posizione della barca
Parivrtta Trikonasana – posizione del triangolo ruotato
PARIVRTTA PARSVAKONASANA – posizione laterale rivolta ad angolo
PARSVA UPAVISTA KONASANA – posizione laterale seduta ad angolo
PARSVOTTANASANA – posizione rivolta ad occidente
PASCHIMOTTANASANA
PRASARITA PADOTTANASANA – posizione della testa tra i piedi
SALABHASANA – posizione dela cavalletta
SALAMBA SARVANGASANA – posizione della candela
SETU BANDHA SARVANGASANA – posizione del ponte
SHAVASANA – posizione del cadavere
SIDDHASANA – posizione perfetta
SIMHASANA – posizione del leone
SIRSASANA – posizione capovolta
SUKHASANA – posizione facile
SUPTA KONASANA – posizione dell’angolo rovesciato
SUPTA PADANGUSTASANA – posizione distesa mano – piede
SUPTA VIRASANA I – posizione della foglia piegata
SUPTA VIRASANA II – posizione del diamante
SUPTA VIRASANA III – posizione dell’eroe che dorme
SURIANAMASKARA A – saluto al sole
TADASANA – posizione della montagna
TRIANG MUKHAIKAPADA PASCHIMOTTAN – posizione della presa degli alluci
UBHAYA PADANGUSTHASANA I -
UPAVISTA KONASANA – posizione seduta ad angolo
URDHVA DHANURASANA – posizione dell’arco
URDHVA HASTASANA – posizione eretta con mani in alto
URDHVA MUKA PASCIMOTTANASANA I – posizione con il viso in su
URDHVA MUKA SVANASANA – posizione del cane a testa in su
URDHVA MUKHA PASCHIMOTTANASANA II – posizione dei piedi legati oltre la testa
URDHVA PRASARITA PADASANA -posizione sdraiata a gambe tese
USTRASANA – posizione del cammello
UTKATASANA -posizione potente
UTTANA PADASANA – posizione allungata
UTTANASANA – posizione di colonna intensamente allungata in avanti
UTTHITA HASTA PADANGUSTHASANA I e II – posizione in piedi mano-piedeUTTHITA PARSVAKONASANA – posizione laterale ad angolo
UTTHITA TRIKONASANA – posizione del triangolo esteso
VASISTHASANA I e II – posizione di vasista
VATAYANASANA – posizione del cavallo
VIPARITA KARNI – posizone del corpo mezzo capovolto
VIRABHADRASANA I – posizione del guerriero I
VIRABHADRASANA II – posizione del guerriero II
VIRABHADRASANA III – posizione del guerriero III
VIRASANA – posizione dell’eroe
VRKSASANA – posizione dell’albero

Lascia un commento

PPM

STUDIO YOGA PILATES

Corso Tassoni 25, TORINO
Corso Orbassano 191/1, TORINO
Via Guarini 4, TORINO

Tel e Cell

011.068.66.62 – 349.236.48.70
011.536.44.66 – 324.7726813
011.19705609 - 3711812414

Mail

info@yogapilates.it
ИТ новости